"Dipingrafando 2011" di E. Conocchioli - artgarage n14

ultimo aggiornamento: 29.03.2020
Art[G]arage
Vai ai contenuti

"Dipingrafando 2011" di E. Conocchioli

L’importante torre di un antico mulino restaurato, a sorpresa ci appare, a Passo di Treia. In questo luogo fino al 10 maggio ammiriamo la mostra di pittura e fotografia Gian Domenico Negroni. La mostra si articola in due sale. Nella prima, “Glamour e moda”, sono esposte foto nelle quali, oltre all’incantevole bellezza delle modelle, protagonista è la luce che inquadra. Certo, la luce è sempre un elemento fondamentale per chi ha a che fare con le arti visive; di queste foto colpiscono, però, i “giochi” che l’artista ha realizzato con la luce, giochi che danno pulsazioni e vitalità alle immagini. Ogni parte del corpo della modella, tra l’altro, nel fondersi con la natura o nel divenire elemento architettonico del luogo rappresentato, evolve come “fotografia nella fotografia”. Ogni posa è spontanea, duttile, plastica e morbida, senza rigidità; per questo motivo, anche se fasciati in abiti provocanti o in sapiente bilico su vertiginosi tacchi a spillo, i corpi risultano eleganti e mai volgari. La parte interessante, forse perché più vicina al “cuore” dell’artista, è quella che si può ammirare nella seconda sala. L’elaborazione al Computer di alcune foto fa apparire di volta in volta scenari che, come in un caleidoscopio, cambiano a seconda del punto di vista… cosi puoi scorgere un’infuocata marina estiva, un veliero azzurrognolo, un gatto-civetta o movimenti ripetuti di mani, di ombre… dove? E perché. Per finire, i quadri astratti di Gian Domenico Negroni, i quali, appoggiati umilmente a terra, serbano inaspettate sorprese: dal recupero di materiali che diventano parte della tela, trasformandola in paesaggio metropolitano, alla sensazione, forse, di infinità di un deserto, fino a quella dove, forse, una luna pallidamente piena fa cadere in un oceano-cielo profondo una lenta lacrima luminosa…
 
 
                                                      Elisabetta Conocchioli
art[G]arage
by Gian Domenico Negroni
pittore e scenografo
Torna ai contenuti