"Mare d'inverno" - descrizione opera - artgarage n14

ultimo aggiornamento: 09.08.2019
Art[G]arage
Vai ai contenuti

"Mare d'inverno" - descrizione opera

Qualche giorno fa, riordinando gli scaffali del mio studio, notai un involucro di carta. Era una pagina di quaderno; un foglio a righe di quelli che si usavano alle scuole medie. Anche se capii immediatamente cosa fosse, la curiosità era alle stelle. Una volta srotolato l’involucro, che custodiva tre strisce di negativi fotografici in bianco e nero, forte fu l’euforia e l’emozione nel rivedere quei fotogrammi. Subito i ricordi riaffiorarono alla mente. I bei periodi del fotoclub di Pescara. Gli amici di allora e l’amore per l’immagine… per lo scatto fotografico… quasi un orgasmo. Ma dei dodici fotogrammi, era uno quello che mi colpì di più degli altri. Non c’erano gli amici e le goliardiche scenette. Il soggetto era il mare. Il mare, in un brutto giorno d’inverno. Era una foto scattata all’interno di uno stabilimento balneare, sul lungo mare nord di Pescara, vicino al quartiere dove vivevo. Una foto in bianco e nero, malinconica. Un luogo quasi sinistro; sedie e tavoli accatastati agli angoli della struttura. Sopra la porta che dava al mare, chiusa da una rete metallica arrugginita, tende parasole legate con una corda alla trave di cemento pressofuso. E poi ancora, sgabelli, fioriere e addirittura sedili di un’automobile. Ma dalla porta, che sembrava facesse da cornice, il mare.  Il suono delle onde sulla battigia. Il vento… il canto dei gabbiani. Una via di fuga. Si, una via di fuga. Bisognava solo trovare il modo di rompere la trama metallica che mi teneva prigioniero in quel caos silenzioso e buio.

"Mare d'inverno"  -  2019
acrilico su multistrato
cm; 100x100...............................[visualizza l'opera]
art[G]arage
by Gian Domenico Negroni
pittore e scenografo
Torna ai contenuti